Bnova alla Camera dei Deputati per parlare di Sanità Elettronica

/, Comunicato stampa, News/Bnova alla Camera dei Deputati per parlare di Sanità Elettronica

Un’occasione per dimostrare, tramite la presentazione del progetto curato per LazioCrea S.p.A., l’impegno di Bnova per rendere i servizi sanitari più efficienti e meno costosi grazie al digitale.

convegno sanità elettronica

Mercoledì 11 ottobre Bnova ha partecipato al convegno “Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute”, organizzato dall’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)- di cui Bnova è socia – presso la Camera dei Deputati. Il convegno si è svolto presso la Sala della Lupa in piazza Montecitorio ed è stata l’occasione per discutere delle implicazioni che ha avuto e sta avendo l’innovazione digitale in un settore così vasto e complesso come quello della sanità.

Anche in questo ambito l’utilizzo delle nuove tecnologie presenta enormi potenzialità, aprendo scenari inediti, che appaiono sempre più ineluttabili. I cambiamenti socio-demografici, i crescenti costi da sostenere a fronte di una scarsità delle risorse a disposizione pongono nuove sfide che il Sistema Sanitario Nazionale si trova a dover affrontare per continuare a garantire adeguati servizi ai cittadini. Certo è che ci sono ancora molti punti deboli e molto è ancora il lavoro da fare prima di arrivare ad una sanità digitale che sia efficiente e funzionante. I casi di successo presentati al convegno, tuttavia, dimostrano che introdurre e adottare la cultura digitale nel settore della sanità è indispensabile per riuscire a superare – e a vincere – quelle sfide.

Bnova ha presentato uno di questi casi di successo esponendo il progetto sviluppato per LazioCrea S.p.A., società che affianca la Regione Lazio nelle attività tecnico-amministrative, offrendo servizi di gestione ed organizzazione delle attività di interesse regionale. Tra le varie mansioni curate da LazioCrea, una delle principali riguardava la realizzazione del sistema informativo regionale: uno strumento per semplificare e digitalizzare i processi interni della Regione Lazio e ridurre i costi della spesa pubblica. Il progetto prevedeva l’integrazione dei flussi informativi provenienti dalle ASL e l’integrazione di questi con informazioni provenienti da altre banche dati regionali. L’utilizzo di Pentaho ha permesso a Lazio Crea di rispondere pienamente alle proprie esigenze: lo strumento elaborato, infatti, ha consentito di monitorare la spesa farmaceutica della Regione Lazio, diventando un elemento indispensabile nel processo decisionale del management regionale. Bnova ha seguito Lazio Crea in tutto il processo di sviluppo del progetto, arrivando a produrre una soluzione che ha superato le aspettative da cui era partito.

Oltre a ciò il risultato più importante cui si è giunti è stata la riduzione della spesa pro capite di ogni cittadino della Regione Lazio e della spesa complessiva farmaceutica. Dall’introduzione di questo strumento, infatti, la spesa pro capite per ogni cittadino è calata consentendo un risparmio netto per l’amministrazione pubblica. In particolare se nel 2014 la spesa pro capite era di 162 €, a seguito dell’adozione della soluzione si è passati nel 2015 ad una spesa pro capite di 159,8€ (-5,19€), pari ad un risparmio della spesa pubblica di 13M€, per giungere alla fine del 2016 ad una spesa pro capite di 154,8€ (-7,2€) con un risparmio complessivo di 43M€. Questo progetto ha avuto anche un risvolto inedito emerso durante la gestione dell’emergenza successiva al terremoto di Amatrice nel 2016. La Regione Lazio – grazie allo strumento elaborato – è stata in grado di fornire alla Croce Rossa informazioni sui farmaci maggiormente utilizzati nelle zone terremotate. Questo ha permesso di inviare spedizioni di farmaci veramente necessari in quelle zone e non semplici farmaci generici. Le caratteristiche della soluzione hanno permesso di estendere le analisi anche a funzionalità di geolocalizzazione. Grazie a ciò è stato possibile, infatti, rilevare situazioni anomale che si verificavano laddove una prescrizione medica avveniva in un determinato luogo, ma veniva consumata in una farmacia distante dall’ASL di competenza.

In conclusione, il caso di successo che Bnova ha esposto al convegno “Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” ha dimostrato – dati alla mano – che soluzioni tecnologiche, adeguatamente calibrate sulle esigenze e le caratteristiche del contesto, consentono di aumentare l’efficienza e l’efficacia del SSN, migliorando la qualità dei servizi offerti ai cittadini e nel contempo permettendo grandi risparmi sulla spesa pubblica.

2017-10-26T12:25:48+00:00

Iscriviti alla Newsletter